Google

giovedì 11 ottobre 2007

Morire dal ridere

Fatal Hilarity: I casi clinici di persone morte in seguito ad un attacco di "risata cronica ed inarrestabile". Pochi, ma ufficialmente documentati.

Il 24 marzo del 1975 il 50enne Alex Mitchell, muratore di King's Lynn in Inghilterra, moriva nel guardare alla televisione una puntata del telefilm The Goodies. Egli iniziò una fragorosa risata, la quale però si prolungò per ben 25 minuti fino a che il pover uomo si paralizzò sul divano morendo sul colpo d' infarto. La sua vedova tempo dopo scrisse una lettera di ringraziamento alla produzione dei Goodies per aver allietato tanto gli ultimi momenti di vita del marito.

Nel 1989 invece l' audiologo danese Ole Bentzen soccombeva anch' egli davanti alla televisione mentre guardava il film Un pesce di nome Wanda. Durante la risata, il cuore salì a 500 battiti al minuto, strocandolo poi per arresto cardiaco.

Nel 2003 il gelataio tailandese Damnoen Saen-um, 52enne, moriva invece nel sonno asfissiato da una lunga risata inarrestabile, la quale gli tolse il respiro. La moglie cercò in tutti i modi di svegliarlo ma potè solamente vederselo morire davanti con un ghigno agghiacciante.

C'è poco da ridere.

3 commenti:

Pizzicone ha detto...

Una risata vi seppellirà!

siddhartino ha detto...

morire ridendo?? ci metterei la firma...subito:)

ildebe aka bebeto ha detto...

si ma cacchio di infarto fa male!! altro che firma...