Google

lunedì 15 ottobre 2007

Sesso coi robot?!

Robotica sessuale. Così si chiama l' ultima frontiera della (fanta)scienza. Ovvero i luminari della robotica prevedono in un futuro nemmeno tanto lontano il matrimonio tra uomini e robot.

Come e perchè? Semplicemente gli androidi risuciranno nel giro di breve tempo a soddisfare sessualmente le persone in carne ed ossa. Quanto tempo? Henrik Christensen, docente di Robotica all’Università di Stoccolma, prevede il verificarsi dei primi rapporti sessuali tra uomini e macchine entro i prossimi 5 anni. "La tecnologia è in continuo sviluppo, e con lo svilupparsi dell' intelligenza artificiale l' esperienza diventerà sempre più appagante". Forse voleva dire agghiacciante...

Qui non si parla quindi di coesistenza con le macchine, ma di competizione sessuale. L' idea di base è molto semplice: se un vibratore o una bambola gonfiabile riescono a dare tanto piacere, ricerca e tecnologia porteranno questo piacere alle stelle.
Si chiama David Levy (nella foto), capo fondatore della Intelligent Toys Ltd, lo sciroccato alla guida della rivoluzione sessuale. La sua officina già studia e ricerca per poter sfornare nel futuro più immediato vere e proprie macchine da sesso.

In Giappone è appena nata l' umanoide Actroid2:

Per le signore invece è in vendita Nax, un palestrato pelato di 1 metro e 92, alla modica cifra di 7.460 euro.

Ma è un meccanico dell' aeronautica di Norimberga invece, tale Micheal Harriman, il creatore della robot-da-sesso più umana del mondo. Essa si chiama Andy (foto in basso) e ha al suo interno un cuore artificiale che accelera i battiti durante il rapporto sessuale, un radiatore che alza la temperatura corporea a simulare l’eccitazione, uno speaker collegato al cuore artificiale che produce ansimi in modo direttamente proporzionale al ritmo dell’amplesso, un dispositivo azionabile in remoto per muovere i fianchi, un sistema per l’emissione di finte secrezioni e un silicone ultra morbido che riproduce la sensazione del contatto con la pelle umana. Dulcis in fundo, l’inventore - che crea "artigianalmente" a mano uno per uno gli esemplari - l’ha dotata di microchip nelle orecchie: basta pronunciare alcune frasi standard e Andy amorevolmente risponde al suo interlocutore umano. E' alta 1,59 m, pesa 38 chili e costa 5.280 euro.

Ah, e pare anche Micheal Jackson.
Bah...

4 commenti:

apolide ha detto...

Davvero agghiacciante...

SOLO NATURE ha detto...

SPERO CHE LA BAMBOLA NON LA COSTRUISCANO I CINESI SOTTO COSTO DATO CHE LA SICUREZZA ELETTRICA DEI LORO PRODOTTI E' PROVERBIALMENTE SCADENTE... IN CASO DI CORTO CIRCUITO CHISSA' QUANTI PISELLI BRUCIATI PRIMA CHE LE RITIRINO TUTTE DAL MERCATO

Fringuella ha detto...

se vuoi una esperienza alternativa prova ad infilare il tuo membro nell'orifizio delle vitamine alfalinga e poi dimmi che si prova!!!

fringuella ha detto...

dimenticavo 3=====>